Route 66. 66 giorni alla Route 66.

Pubblicato: giugno 9, 2018 in Route 66

66 giorni al nuovo viaggio lungo la 66.

Una nuova avventura, incontri con vecchi e nuovi amici, emozioni che si rinnovano.

Farò come al solito migliaia di foto, ma questa volta cercherò di concentrarmi un po’ di più sulla realizzazione di piccoli video reportage giornalieri, raccontando le storie che si nascondono dietro ogni curva dello splendido tracciato della Mother Road e coinvolgendo le persone che su quella strada vivono e lavorano.

Questo video è un modo per riassumere il passato ed introdurre il futuro.

Un teaser, un countdown alla mio quarto viaggio lungo l’intero percorso della US Highway 66.

DSC_5533

Little Juarez Cafe (Glenrio, Texas/New Mexico)

Tra le domande più frequenti che mi vengono poste sulla Route 66 ci sono quelle inerenti al perché molte delle sue icone sono chiuse, spesso in stato di abbandono, perché tratti di strada interrotti restano tali per mesi, anche anni, e perché il governo americano non fa nulla per conservare una strada così famosa in tutto il mondo.

Nel porre queste domande traspare, ovviamente, il nostro modo di concepire la vita e la nostra esperienza in una società profondamente diversa da quella americana, oltre alla poca conoscenza su cosa sia successo alla Route 66.

La Route 66 è una strada dismessa nella metà degli anni 80 perchè ritenuta obsoleta e come tale è stata rimossa dalle cartine stradali.

Un processo durato anni (“Route 66. L’inizio della fine“) e nel portarlo avanti nessuno si è preoccupato delle conseguenze che tale operazione avrebbe prodotto sulle comunità coinvolte e sulla vita stessa delle gente.

Questo processo di superamento del vecchio modo di concepire la viabilità negli USA, che la Route 66 incarnava, ha avuto quelle devastanti conseguenze che sono ben visibili in molte delle comunità che si attraversano quando viaggiamo lungo la Mother Road.

Le strade, le vecchie highways, erano nate per unire le comunità, con le nuove interstates queste comunità venivano bypassate.

E le pesanti conseguenze di questo ammodernamento della viabilità sono state considerate come il prezzo da pagare “nel nome del progresso”.

Molte persone sono state costrette ad andarsene per sopravvivere lasciando la propria casa e la propria attività e molte di queste proprietà abbandonate sono oggi diventate dei cimeli storici, delle icone della Route 66.

Gran parte dei luoghi storici che si incontrano lungo il percorso della Route 66 appartengono quindi a privati, alle famiglie di coloro che un tempo li gestivano.

Non sono un bene pubblico, non appartengono a strutture governative.

Parliamo di vecchi motels, ristoranti, stazioni di servizio ed altro ancora.

Ed in quanto proprietà privata i possessori ne dispongono come vogliono, secondo i propri interessi e le proprie possibilità economiche.

A volte capita che queste famiglie regalino il proprio bene alla comunità in cui si trova la quale può o meno provvedere al suo restauro, facendo uso di donazioni private o, quando riescono ad ottenerli, dei fondi federali dedicati ogni anno alla Mother Road.

Perché i possessori di questi luoghi storici li lasciano andare in rovina?

Lo fanno per mancanza di interesse, perchè spesso si sono trasferiti altrove, perché magari quei luoghi sono in vendita da anni ma non si sono mai trovati compratori.

Accade poi che, per ragioni economiche, per evitare di pagare le tasse su un bene del quale non riescono a liberarsi, arrivino anche a demolirlo.

È famoso il caso di Buster Burris, lo storico proprietario di Amboy e del Roy’s Cafe che dopo l’apertura della I40 e del conseguente rapido e drammatico declino del suo business, per non pagare le tasse sugli immobili di sua proprietà accese la ruspa e personalmente demolí l’intera comunità di Amboy salvando, per fortuna, il Roy’s Cafe e poco altro.

Il Roy’s, e l’intera Amboy, furono poi acquistati nel 2005 da Albert Okura, un imprenditore appassionato della Route 66, al prezzo di 425.000 dollari.

Un privato quindi che acquista una delle icone più famose della Route 66.

DSC_6684 copy

Roy’s Cafe (Amboy, California)

Anche l’Henning Motel di Newberry Springs in California (adiacente al Bagdad Cafè), dopo anni di chiusura è stato demolito nel 2014 probabilmente per lo stesso motivo che spinse Buster Burris ad agire in quel modo così drastico.
Oggi dell’Henning Motel resta solo la sua iconica insegna.

DSC_6810 copy

L’insegna dell’Henning Motel (Newberry Springs, California)

E’ di questi giorni (Maggio 2018) l’acquisto da parte di un gruppo di appassionati della Route 66 di un luogo storico della Mother Road in Arizona, il Painted Desert Trading Post, un luogo amatissimo dal popolo della Route 66, posizionato in mezzo al deserto, difficilissimo da raggiungere per via di una strada sterrata molto sconnessa.

Nelle intenzioni di questo gruppo di appassionati c’è la volontà di non lasciar morire un luogo così amato e di permetterne l’accesso ai visitatori.

Hanno avviato una raccolta fondi a supporto di questa operazione che ha comportato per loro un investimento considerevole.

Altri privati, quindi, che acquistano un cimelio storico.

Le comunità lungo la Route 66, inoltre, sono state tutte più o meno pesantemente danneggiate dall’apertura delle interstates e quindi non hanno un potenziale economico importante e sufficiente per farsi carico da sole del mantenimento di quelle icone della Route 66 che insistono nel proprio territorio e che le appartengono.

Un caso eclatante è stato quello dell’Avalon Theater di McLean in Texas.
L’Avalon Theater era un piccolo teatro degli anni 30 chiuso da anni, come tantissime attività di McLean, ed in condizioni di stabilità strutturale ritenute precarie.

Era tuttavia una “Roadside Attraction”, quindi un luogo importante di cui se ne suggeriva la visita.

Per cercare di salvarlo qualche anno fa fu avviata una raccolta fondi che tuttavia non raggiunse lo scopo, ed al sopraggiungere di ulteriori elementi di precarietà nell’agosto del 2017 è stato demolito.

Un’iniziativa che ha scatenato l’ira degli appassionati, perché è avvenuta all’improvviso, ma di fatto non si è riusciti ad impedire che venisse demolito un elemento importante della storia di McLean e della Route 66.

I soldi quindi, uniti probabilmente anche ad una non ancora sufficiente consapevolezza del “tesoro” custodito dalla Route 66, portano spesso ad agire in questo modo.

Gli americani sono un popolo con una storia molto giovane, con una spiccata propensione al futuro ed hanno sempre considerato necessario per il bene e la prosperità del paese, disfarsi di una vecchia strada per realizzarne altre più moderne al fine di spostarsi più rapidamente da una parte all’altra degli USA.

Nel 2017, un mio amico americano appassionato studioso della Route 66, dove vive e lavora, mi raccontava che l’80% dei turismo della Route 66 era straniero, in larga parte europeo.
È un dato che dice molto.

Qualcosa in questo senso sta cambiando, gli americani cominciano ad interessarsi alla loro storia, così ben raccontata dalla Route 66, ma questo è tuttavia un processo lento.

Il governo, comunque, sia esso federale che locale, per il mantenimento della Route 66, non c’è, non nella maniera in cui noi, da italiani, saremmo portati ad immaginare.

Il fondo federale che periodicamente viene rinnovato (e non sempre è un rinnovo così scontato) non è sufficiente a coprire tutte le necessità di una strada lunga è densa di elementi storici come la Route 66.
Ogni anno vengono individuate dei luoghi storici da restaurare ed ai quali viene fornito un contributo economico, unito, molto spesso, all’immancabile donazione degli appassionati.

Anche nei musei, spesso gestiti dalle associazioni private dedicate alla Mother Road o dalle comunità in cui si trovano, il personale che vi lavora è costituito da volontari ed appassionati, persone spesso in pensione che dedicano il proprio tempo a gestire il museo e ad accompagnare i turisti nel viaggio attraverso i cimeli che custodisce.
Questi musei, il cui ingresso è spesso gratuito, gradiscono offerte dagli avventori, offerte necessarie per il proprio mantenimento.

La Strada, la nostra amata Route 66, è viva grazie all’impegno degli appassionati che spendono il proprio tempo, e spesso i propri soldi, per tenere vivo un sogno.

Il privato, quindi, prevale sul pubblico, come un po’ in tutti i campi della vita negli Stati Uniti.

La strada.
La Route 66 è una strada che ufficialmente non esiste più.

Non esiste sulla cartina una strada che corra continua da Chicago a Los Angeles e che si chiami US 66.

la Route 66 è stata dismessa il 27 giugno del 1985 ed è stata sostituita da 5 interstates:
I55, I44, I40, I15 ed I10.

Cos’è quindi oggi la Route 66?

La Route 66 oggi tecnicamente è l’insieme di tutti i tratti di strada che un tempo ne fecero parte.

Molto spesso, questi tratti di strada hanno oggi nomi diversi: Hwy ZZ, W, KK, Oatman Hwy, Pecos dr. ed altro ancora.

Per ragioni di viabilità locale, ed anche per dare un taglio definitivo col passato, questi tratti sono stati rinominati facendo perdere alla Mother Road anche la propria gloriosa identità.

Questi tratti sono gestiti dalla contea o dal dipartimento dei trasporti dello stato in cui si trovano.

Gli anni si fanno sentire sempre di più e le avversità meteorologiche contribuiscono spesso a danneggiare le infrastrutture che si trovano lungo il percorso della vecchia highway.

Troviamo ponti chiusi da anni perché ritenuti non sicuri, come il Gasconade Bridge in Missouri (chiuso dal 2014. Ad oggi, 2018, è ancora in questo stato) o quelli nel Mojave Desert in California il cui tratto di strada è stato chiuso più volte dal 2014 al 2016, a causa di violente inondazioni che l’hanno pesantemente danneggiato, e dalla primavera del 2017 è chiuso definitivamente senza che al momento vi siano previsioni per la sua riapertura.

DSC_4532

Gasconade Bridge, Hazelgreen (Missouri)

Il discorso in questi casi è simile a quello dei cimeli lungo la Route 66.

I dipartimenti dei trasporti hanno priorità diverse rispetto a quella di riparare una vecchia strada o un vecchio ponte, ed i fondi disponibili evidentemente non permettono di intervenire in tempi rapidi.

In fondo il tratto desertico in California non trasporta un numero rilevante di veicoli, ci sono periodi dell’anno in cui si fa fatica ad incrociare altre macchine.
E poi li vicino c’è la I40, che è più veloce, larga, sicura, è la strada che qualsiasi americano userebbe per spostarsi in auto in quei posti.

Stesso discorso per il Gasconade Bridge che si trova su un tratto di strada che corre parallelo alla I44.

Vista in quest’ottica, riparare la Route 66 non rappresenta una priorità.

E qui possiamo agganciarci alla scarsa sensibilità verso un pezzo della storia del proprio paese, ma questa sensibilità è sempre legata alla disponibilità economica che non è evidentemente sufficiente per farsi carico, in tempi ragionevolmente brevi, della riparazione di una vecchia strada.

Noi quindi, nel formulare le nostre argomentazioni, ragioniamo da turisti, da appassionati viaggiatori della Route 66, ma soprattutto da italiani.

E questo ci porta a dare valutazioni frettolose e non coerenti con la realtà di una società che è profondamente diversa dalla nostra.

La Route 66 è una strada difficile da mantenere in vita, perchè lunga (4 volte l’Italia) e perchè è densa di elementi storici che la contraddistinguono e che bisognerebbe preservare.

Quello che sempre più spesso viene fatto, è costruire nelle grandi città angoli nei quali si realizzano dei tributi alla Mother Road (la Cyrus Avery Centennial Plaza a Tulsa ad esempio), il che è positivo perchè è un forte segnale di attenzione da parte degli americani alla propria storia, ma allo stesso tempo è un’operazione molto più semplice che intervenire lungo la Strada cercando di preservarla da un inevitabile declino.

Route66_2017_DSC_5061_

Cyrus Avery Centennial Plaza (Tulsa, Oklahoma)

Route 66. Le Gas Stations

Pubblicato: maggio 20, 2018 in Route 66

Generale

La storia della Route 66 è strettamente legata a quella dell’automobile.

La vecchia highway racconta l’evoluzione di questo mezzo di trasporto che agli inizi del 1900 rivoluzionò negli USA il modo di concepire i viaggi.

La sua stessa realizzazione, così come quella delle altre “Numbered Highways”, aveva tra i principali scopi quello di fornire alle automobili il “terreno” ideale sul quale poter essere utilizzate, ed agli americani la possibilità di spostarsi da una parte all’altra del paese facendo uso di un mezzo di trasporto alternativo al treno.

Per permettere a questi nuovi destrieri d’acciaio di liberare il proprio potenziale correndo lungo le nuove arterie interstatali, quest’ultime cominciarono ad attrezzarsi con la nascita di un’infinità di attività commerciali legate al viaggio.

Tra queste c’erano i motels, i ristoranti e le stazioni di servizio.

Rifornire le automobili del carburante necessario per poter essere utilizzate è un importante tassello in questa storia.

Le aziende petrolifere cominciarono a sfruttare queste nuove highways a fini pubblicitari, e la Route 66, tra queste, era sicuramente la più popolare.

Basti pensare a Phillips 66, una marca di carburante molto popolare negli USA, che, come si può intuire dal nome, ha forti legami con la Mother Road.

Ci sono varie storie intorno alla nascita del nome attribuito alla compagnia, la più accreditata narra di test prestazionali, su un nuovo tipo di carburante, che negli anni 20 la Phillips Petroleum eseguì in Oklahoma lungo il tracciato della Route 66.

L’automobile equipaggiata con questo nuovo carburante raggiunse le 60 miglia orarie, ma il tecnico della compagnia non era soddisfatto: “60 non è niente, arriveremo a 66!” esclamò.

Questa speciale combinazione, velocità massima raggiunta e la strada sulla quale si verificò l’evento, convinsero i vertici della Phillips Petroleum ad utilizzare come marchio per la propria benzina quello, appunto, di Phillips 66.

Phillips66_McLean

Phillips 66 Service Station (McLean, Texas)

Fornire il carburante per permettere alle macchine di viaggiare era quindi il nuovo business, ma inizialmente aveva connotazioni molto primitive ed essenziali.

La benzina veniva stoccata in barili e venduta ai clienti anche in secchi perfino nei general stores.

Ciascun cliente, quindi, provvedeva in autonomia a riempire il serbatoio della propria automobile spillando il carburante da questi primitivi ed improbabili contenitori.

I limiti di questa pratica erano evidenti e fu per superarli che, agli inizi del 1900, ad un tal Sylvanus Bowser venne in mente di modificare una pompa che aveva inventato, e che veniva normalmente utilizzata per l’acqua, per, letteralmente, “pompare” benzina nel serbatoio delle automobili.

Nacquero quelle che lui stesso chiamò “fillin’ stations”, stazioni di rifornimento dove ci si poteva recare per fare benzina.

Queste nuove pompe di benzina cominciarono ad essere disponibili un po’ ovunque, anche in attività commerciali generalmente non legate all’automobile.

Ma ancora non era abbastanza, la difusione dell’automobile in quegli anni era inarrestabile e le compagnie petrolifere cominciarono a realizzare delle vere e proprie reti di distribuzione del carburante.

Le stazioni di rifornimento cominciarono ad assumere una connotazione ben precisa.

Anche l’estetica di queste nuove attività commerciali cominciò ad avere un aspetto  definito, somigliando, soprattutto nelle piccole comunità, a dei cottages.

Un’architettura molto accattivante e familiare.

Una scelta inusuale se pensiamo a quello che le stazioni di servizio sono diventate, ma all’epoca fu ben ponderata.

La vendita della benzina era un’attività piuttosto nuova ed insolita e si cercava quindi di non  turbare le piccole comunità, perseguendo, anzi, una sorta di integrazione con esse attraverso la realizzazione di queste piccole villette dalle sembianze piacevoli e rassicuranti.

Le stazioni di servizio, solitamente, ospitavano un ufficio, spesso un’officina ed avevano un porticato.

Erano, appunto, delle piccole, piacevoli case.

E di stazioni di servizio simili a cottages se ne trovano diverse lungo la US Highway 66.

Da est ad ovest è un susseguirsi di gas stations, alcune restaurate e riportate a nuova vita, altre abbandonate ai bordi della vecchia highway.

Ad est del midpoint di Adrian si trovano quelle più belle.

Erano gestite da imprenditori privati ed oggi molto spesso questi splendidi impianti vengono ancora identificati con il loro nome.

Basil Ambler, per la Ambler’s Texaco Gas Station di Dwight (Illinois), l’imprenditore che l’ha gestita per il periodo più lungo (conosciuta anche come Ambler’s Becker Gas Station, da Phillip Becker l’ultimo proprietario), o Henry Soulsby, per la Soulsby’s Gas Station di Mt. Olive (Illinois), sono alcuni tra gli esempi.

Quelle citate sono anche tra le stazioni di servizio più belle, assieme alla Standard Oil Gas Station di Odell sempre in Illinois o alla leggendaria Lucille’s Service Station di Hydro in Oklahoma, la stazione di servizio di Lucille Hamons, la “Mother of the Mother Road”.

Ad ovest, complice lo scenario decisamente più selvaggio e meno denso di comunità, è più raro incontrare stazioni di servizio di questo genere.

Le stazioni di servizio storiche hanno perso oggigiorno il loro scopo primario, ma si sono trasformate in qualcos’altro, sono diventate delle bellissime icone, tra i monumenti più affascinanti della US Highway 66.

Route 66. I tratti interrotti

Pubblicato: maggio 12, 2018 in Route 66 news
DSC_4532

Gasconade Bridge, Hazelgreen (Missouri)

Percorrere interamente la Route 66 negli ultimi anni è diventato abbastanza complicato.

La strada comincia a mostrare i segni del tempo e le avversità meteorologiche spesso fanno danni che vengono riparati dopo molti mesi, a volte anche dopo anni.

Un tratto della Route 66 chiuso da tempo, dalla fine del 2014, è quello in prossimità del Gasconade Bridge a Hazelgreen in Missouri.

Il ponte, dichiarato inagibile, è stato chiuso al traffico ed è stato messo in lista per la sostituzione.

E’ nato, quasi contestualmente alla sua chiusura, un comitato di appassionati della Mother Road che chiede al dipartimento dei trasporti dello stato del Missouri di salvare il ponte e di restaurarlo invece di abbatterlo.

E’ un pezzo importante della loro storia e non vogliono giustamente privarsene.

Spesso si riuniscono in piccole manifestazioni, raccolgono fondi a sostegno della loro iniziativa, nella speranza di venir ascoltati.

Allo stato attuale, comunque, quel tratto di Route 66, che corre parallelo alla I44, è chiuso.

Per proseguire nel viaggio, venendo da est, bisogna prendere la I44 in prossimità dell’uscita 145 e percorrerla fino all’uscita 140.

Da qui in avanti si proseguirà di nuovo lungo la Mother Road.

Gasconade

Un altro tratto chiuso ormai da più di un anno (dal marzo del 2017) è quello nel deserto del Mojave in California, tra Fenner e Chambless, uno dei tratti più suggestivi e sfortunati.

Nel 2014 fu colpito da violento flash flood che distrusse alcuni ponti lungo il tracciato e, dopo poco più di un anno, fu riaperto al traffico.

Ma, come detto, nella primavera del 2017, un ennesimo flash flood ha seriamente danneggiato altri ponti lungo quel tratto.

Da allora, per poter proseguire il viaggio lungo la Mother Road, provenendo da est, è necessario percorrere la I40 dall’uscita 107 nei pressi di Fenner e lasciarla in prossimità della Kelbaker Rd. All’uscita 78.

Da qui si procederà in direzione sud verso la National Trails Hwy (la Route 66) e quindi verso Amboy.

Sono le due interruzioni più importanti, e di lunga data, nel percorso della gloriosa US Highway 66.

california

National Trails Hwy – Route 66

 

 

 

Norvegia.

Pubblicato: maggio 6, 2018 in Foto

DSC_5843

Norvegia 2017.
Tromso, Capo Nord, Lofoten.

 

via Norvegia.

Route 66. “Bloody 66”

Pubblicato: aprile 28, 2018 in Route 66

DSC_6615

Quando si pensa alla Route 66 si immaginano i colori sgargianti dei neon lungo il suo tracciato e la vita spensierata di un tempo in cui tutto era più semplice.

Main Street of America e Mother Road sono i nicknames con i quali tendiamo ad identificarla accentuando in questo modo il suo aspetto romantico.

Siamo soliti, quindi, avere una visione positiva della strada più famosa d’America.

Ed in effetti, in larga parte le nostre fantasie trovano giustificazione nella sua storia.

Ma la Route 66 di storie da raccontare ne ha tante ed anche se amiamo soffermarci su quelle che ci fanno sognare, la Strada ne custodisce alcune di decisamente meno accattivanti.

Percorrere la vecchia highway è stato sempre piuttosto complicato ed il rischio di incidenti si nascondeva dietro ogni curva del suo, spesso, tortuoso tracciato.

La Route 66, come Sally Carrera di Cars raccontava a Saetta McQueen al termine della loro corsa nei meandri della vecchia highway, fu concepita con un occhio al paesaggio; a differenza delle moderne interstates, la Route 66 aggirava gli ostacoli naturali (“saliva, scendeva, curvava”), invece di attraversarli.

Col passare degli anni la velocità delle automobili diventava sempre più elevata, il traffico si andava intensificando ed alcuni suoi tratti cominciarono a diventare inadeguati.

La Route 66, in buona parte, era rimasta poco più che una strada di campagna e la ridotta carreggiata mal si adattava a queste nuove condizioni dettate dal progresso.

Quello che oggi apprezziamo più di lei, un tempo era il suo tallone d’achille ed inevitabilmente tutto ciò finiva col penalizzare fortemente la viabilità e la sicurezza.

La Route 66 era, per questi motivi, una strada pericolosa.

Ed ecco emergere quindi nicknames sinistri, lontani anni luce da quell’immagine romantica che siamo soliti attribuirle: “Slaughter lane”, “Dead man’s curve” e “Bloody 66”.

Aveva una brutta fama tra gli automobilisti la Route 66, che in alcuni suoi tratti incuteva davvero molta paura.

 “White knuckles driving” era un modo fantasioso per descrivere come gli automobilisti affrontavano questi tratti della vecchia highway; il timore di incidenti li portava infatti a stringere il volante così forte da far diventare bianche le nocche delle mani.

Gli incidenti erano all’ordine del giorno e molti di questi erano estremamente cruenti.

La romantica Main Street of America era quindi anche una sanguinaria, maledetta “Bloody 66“.

Uno dei tratti più famosi ai quali il sinistro nickname fu attribuito è quello della Oatman Hwy, il tratto che da Kingman conduce ad Oatman, una strada che sale verso il Sitgreaves Pass per poi scendere verso la città dei muli.

Una strada di montagna senza protezioni, terrore puro per gli spesso inesperti automobilisti americani.

Un tempo coloro che dovevano percorrere quel tratto di strada preferivano affidarsi a piloti esperti a gente del posto per paura di finire nella scarpata.

Ancora oggi sono diverse le carcasse di automobili che si possono vedere guardando a valle.

Anche il tratto del Devil’s Elbow in Missouri, un tratto molto stretto che scavalca il Big Piney River attraverso lo storico, omonimo ponte, era una Bloody 66.

Come il nome lascia intuire, il gomito del diavolo era, per l’epoca, un tratto estremamente pericoloso.

Una statistica del 1941 racconta di oltre 400 incidenti, con diverse decine di morti, in un periodo di 6 mesi nella zona adiacente al Devil’s Elbow.

Ed anche di “Dead Man’s Curve”, altro nome che da l’idea di quanto la vecchia highway fosse pericolosa, se ne trovano diverse.

Una di queste si trova nei pressi di Towanda in Illinois ed un’altra nei pressi di Mesita in New Mexico.

Ma possiamo trovare anche una “Slaughter Lane”, ovvero il tratto che da Glenrio portava a Tucumcari in New Mexico, un tratto in apparenza innocuo ma che le dimensioni della strada e l’elevata velocità rendevano letale.

Parliamo tuttavia di altri tempi, tempi in cui non c’era molta dimestichezza con la guida, tempi in cui il traffico era davvero molto intenso su quella che, per i canoni odierni, è equiparabile ad una nostra stretta strada statale.

Oggi la Route 66 non è più nulla di tutto questo.

E’ una strada che si può percorrere ad una velocità “umana” molto spesso senza  incrociare altri veicoli e che permette ai viaggiatori di godersi il paesaggio ed anche il piacere stesso di guidare.

La Route 66 oggi non è più una pericolosa, trafficata strada di collegamento, ma si è trasformata in un bellissimo sogno.

Route 66. “Friends for life”

Pubblicato: aprile 22, 2018 in Route 66

43 - pagina_43

La gente, il popolo della Route 66 ha reso questa strada immortale.

E’ grazie a loro se una delle tante highways uscite dal piano autostradale del 1926 è diventata, nell’immaginario collettivo, la Strada per eccellenza, meta di un’incredibile numero di appassionati viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo.

Il paesaggio ed i cimeli che dal passato sono giunti fino a noi, raccontano, con dovizia di particolari, la sua storia e quella del paese in cui si trova.

Ma è appunto la gente, il popolo della Route 66 l’elemento in più.

Durante i miei 3 viaggi ho incontrato tante persone ed ogni incontro è stato entusiasmante, qualcosa da custodire gelosamente nel cassetto preferito della mia memoria.

Persone che, come me, stavano percorrendo la Mother Road, come Brian, il pompiere del Missouri, che alla fine si appassiona ad un pezzo della storia del suo paese che ha sempre trascurato, o la leggenda, Angel Delgadillo, l’uomo che ha fatto si che tutta questa passione travolgesse il mondo intero.

Sono stati tanti gli incontri e tante le emozioni che mi hanno visto coinvolto.

Alcuni incontri sono stati casuali, altri cercati, altri ancora pianificati prima di partire.

Eccone alcuni.


John Hargrove

img032

John Hargrove – Settembre 2014

Il mio primo incontro con John Hargrove, di Arcadia in Oklahoma, è stato accidentale, imprevisto, frutto della curiosità suscitatami da alcune piccole riproduzioni della Route 66 che dalla strada si scorgevano all’interno della sua proprietà e che mi convinsero a fermarmi davanti al suo cancello.

Ricordo il caloroso invito ad entrare di John, che dalla sommità della sua proprietà si sbracciava per farsi notare.

E poi il “viaggio” all’interno del suo mondo accompagnato da una splendida colonna sonora trasmessa da una radio locale.

Il secondo incontro, l’anno successivo, nel 2015, è stato questa volta voluto, ed aveva come scopo, oltre di incontrarlo di nuovo, quello di consegnargli la foto che insieme ci eravamo scattati l’anno prima.

Una persona umile, un artista straordinario.

Tornerò ancora da lui, ho tante altre foto da consegnargli.


Jim Hinckley

Jim

Jim Hinckley – Agosto 2016

Quelli con Jim Hinckley, lo scrittore di tanti libri sulla Route 66 (“Route 66 encyclopedia”, “Route 66. The America’s longest small town” per citarne alcuni), sono stati incontri pianificati prima di partire.

Fui contattato tramite Facebook nel 2016 con un messaggio tramite il quale, sapendo che sarei passato dalle sue parti in occasione di uno dei miei viaggi lungo la Mother Road, mi invitava a partecipare ad un party organizzato in un hotel della sua città, Kingman in Arizona.

Al party avrebbero partecipato imprenditori ed appassionati della Route 66.

Incontrare gente che poteva raccontarmi la propria esperienza vissuta “on the road” sulla Route 66 nei suoi anni d’oro era una splendida occasione.

E poi avrei avuto Jim li davanti a me, una sorta di wikipedia della Route 66.

Dopo aver letto i suoi libri poterlo avere a disposizione per approfondire le mie curiosità era troppo allettante.

Arrivato a Kingman, mi diressi verso l’hotel nel quale avrebbe avuto luogo il party e vidi da lontano Jim che indossava il suo inseparabile cappello.

E’ stato un saluto caloroso ed una serata che non potrò mai dimenticare.

Jim in quell’occasione mi fece dono della membership onoraria della “Route 66 Association of Kingman Arizona”.

Una piccola grande cosa per un appassionato della Route 66 come me.

Ed ancora un nuovo incontro, l’anno successivo, nel 2017, al mio terzo viaggio lungo la Route 66, in un’enoteca di Kingman dove passammo il tempo a parlare della Mother Road sorseggiando un bicchiere di ottimo Chardonnay della California.

Una serata splendida, immerso nel cuore della Route 66, ascoltando i racconti di Jim e guardando le sue foto scattate in mezzo alla storia della vecchia highway.

Quella sera Jim mi regalò il suo ultimo libro “Route 66. The America’s longest small town”, corredato dell’immancabile dedica.

Avere Jim a portata di mano era come disporre di una enciclopedia “on demand”, un’occasione straordinaria per un affamato di informazioni come me.


Mickey di Carterville (Missouri)

DSC_4922

Mickey – Maggio 2017

Un incontro pianificato tramite le pagine di Facebook è stato quello con Mickey, un appuntamento preso attraverso un gruppo dedicato alla Mother Road nel quale da tempo posto le mie foto.

Mickey è il gestore di un’attività di assistenza stradale e di un’officina a Carterville in Missouri e leggendo il mio itinerario, che ovviamente includeva la comunità in cui vive, mi ha invitato nella sua officina per uno stop, ricordandomelo ogni volta che postavo nel gruppo una nuova foto.

La scusa era una cartolina che voleva darmi e che ritraeva la sua città e la sua attività.

“Don’t forget about me!”, scriveva Mickey, ed io non me ne sono certo dimenticato.

Arrivato a Carterville mi fermai con la macchina in mezzo ad un piazzale.

Non sapevo come trovarlo, Carterville non è certo una metropoli, ma comunque non avevo molte informazioni.

Scesi dalla macchina ed iniziai a guardarmi intorno quando dall’interno di un ufficio arrivò nitida la sua voce che, con un americanissimo “Franco”, richiamava la mia attenzione.

“Vedendo da dove partivi avevo calcolato che saresti arrivato qui più o meno a mezzogiorno” mi disse.

Essere attesi da un amico, anche se non lo si è mai visto, è stata una bellissima sensazione.

Mi mostrò con orgoglio le foto d’epoca della sua attività legata da sempre alla Route 66, ci scattammo l’immancabile foto insieme e passammo diversi piacevoli minuti a chiacchierare prima di salutarci.

Ed ovviamente mi consegnò la cartolina.


Dries della Route 66 Association of Holland

DSC_3856

Dries – Maggio 2017

Un incontro accidentale fu invece quello con Dries.

Ero nel motel fuori Chicago il mio primo giorno di viaggio nel maggio 2017, il mio terzo lungo l’intero percorso della Route 66.

Stavo uscendo dalla sala della colazione quando lo vidi entrare con il suo tipico abbigliamento da biker.

Siamo amici su Facebook ma non ci eravamo mai visti di persona.

Anche lui stava per iniziare il suo viaggio, l’ennesimo, credo infatti che abbia percorso la Route 66 più di una decina di volte.

Un veterano della Mother Road, conosciuto ed amato da tutto il popolo della Route 66.

E’ stato un incontro divertente.

Il preludio perfetto di un viaggio che sarebbe stato il mio più bello lungo la Route 66.


Delvin, del California Route 66 Museum di Victorville (California)

DSC_6960

Delvin – Maggio 2017

Altrettanto accidentale è stato l’incontro con Delvin.

Mi seguiva anche lui tramite uno dei gruppi di Facebook nel quale posto regolarmente le mie foto della Mother Road e, osservando il mio itinerario giornaliero, immaginò che, quel giorno, sarei sicuramente entrato nel museo.

E’ stata tuttavia una decisione del tutto improvvisa la mia, poiché tendenzialmente non sono molto attratto dai musei lungo la Route 66, anche se ne ho visti molti compreso quello di Victorville.

La Route 66 è uno splendido museo a cielo aperto e tutto quello che ha da offrire lo si trova lungo il suo percorso ai lati della strada.

Ma decisi di entrare perché li dentro sapevo che avrei trovato l’opera di un’artista olandese recentemente scomparso, un grande appassionato della Route 66.

Appena entrato nel museo, poco dopo aver lasciato che la porta si chiudesse dietro di me, vidi una persona venirmi incontro, tendermi la mano e chiamarmi per nome.

Io restai per un po’ disorientato perché non lo conoscevo e non riuscivo a capire come facesse a sapere il mio nome.

Superato l’attimo di smarrimento abbiamo passato una piacevole ora a parlare della Route 66, dei bellissimi cimeli custoditi nel museo e della sua vita, legata alla Route 66 percorsa dai suoi genitori negli anni della grande depressione dall’Oklahoma fino in California.

Delvin presta servizio nel museo come volontario, una splendida persona a cui affidarsi per conoscere le storie che si celano dietro i cimeli custoditi nella bellissima struttura.


Jerry McClanahan (EZ 66 for travelers)

DSC_5095

Jerry McClanahan – Maggio 2017

Un incontro pianificato in extremis, davvero all’ultimo momento, fu quello con Jerry McClanahan, l’artista che tra le altre cose ha realizzato la mitica “EZ 66 FOR TRAVELERS”, la guida senza la quale percorrere a Route 66 è praticamente impossibile.

Pernottavo a Chandler, la sua città, e quindi una sorta di pianificazione in realtà l’avevo fatta.

Non sapendo come contattare Jerry, la mattina, dalla camera del Lincoln Motel, postai una foto in un gruppo di Facebook, lasciando che apparisse la posizione da dove la stavo caricando.

Jerry, che evidentemente era collegato, commentò la foto chiedendomi di passare alla sua gallery.

La mia volontà era proprio quella, ma era ancora molto presto e quindi ci siamo dati appuntamento di li ad un’ora.

Dopo una splendida colazione al Boomarang Diner, mi recai in macchina alla Gallery di Jerry.

Lui era davanti alla porta che mi aspettava, e una volta sceso mi chiamò per nome e ci stringemmo la mano.

La strada madre non ha segreti per Jerry che mi corresse a mano le due EZ 66 che possiedo, includendo il nuovo percorso in California all’altezza del Cajon Pass e segnalandomi altre brevi deviazioni che avrei incontrato.

Trascorremmo molto tempo a parlare della Route 66 e del suo matrimonio con Mariko, un’appassionata fan giapponese della Route 66, da tempo tra le mie amicizie di Facebook a differenza di Jerry che lo aggiunsi in quell’occasione.
Qualche minuto dopo il mio arrivo, Mariko chiamò Jerry al telefono dal Giappone e gli disse di salutarmi.

Comprai un po’ di cose nella sua gallery, compreso un bellissimo DVD realizzato da un gruppo di appassionati (www.unoccupiedroute66.com), tra i quali c’è anche lui, e che racconta un tratto di Route 66 in Missouri (“The Missouri Maze”).

In realtà cercavo l’ultimo lavoro di quel gruppo, “The California Promise”, ma Jerry non lo aveva e chiamò quindi il regista di questa serie di films che mi suggerì alcuni posti dove avrei potuto trovarlo.

Quella mattina a Chandler ho vissuto una delle mie più belle esperienze di viaggio lungo la Route 66; sentirsi parte integrante di un mondo che amo profondamente è stata una sensazione che non dimenticherò mai.

Era la terza volta che percorrevo la Route 66 ma la prima che incontravo Jerry, le altre volte avevo trovato la gallery chiusa.
Appena l’ho detto a Jerry mi ha subito suggerito di contattarlo al telefono nel caso in futuro dovesse ricapitare.

Ed è senz’altro quello che farò.


Toshi, presidente della Route 66 Association of Japan

_DSC7400

Toshi – Agosto 2016

Ed è ancora Facebook a dettare l’agenda delle emozioni.

Con tutto il male che si può pensare di strumenti come questo, bisogna riconoscer loro il merito di riuscire a mettere in contatto persone che altrimenti non avrebbero modo di conoscersi.

Ed io di persone stupende, da tante parti del mondo, ne ho conosciute un bel po’, anche fuori dal contesto della Route 66.

Tornando a Toshi, il nostro fu un incontro pianificato prima di partire.

Avrei percorso il tratto ovest della Route 66 e sarei ripartito per l’Italia da San Francisco, città dove Toshi vive e lavora.

Dalle pagine di Facebook ai messaggi per mezzo dei quali concordammo un  appuntamento per le 14 ad Union Square.

Trascorremmo due bellissime ore a raccontarci le nostre esperienze di viaggio lungo la Mother Road, a parlare delle persone che entrambi conosciamo, dei suoi 4 anni in Italia, esternando la reciproca curiosità nel capire come, due persone come noi, così lontane per cultura e tradizioni da una strada così fortemente americana potessero essersene innamorate.

Curiosità alle quali non siamo stati in grado di fornire una risposta.


 

La Route 66 affascina ed il suo fascino va oltre le culture e le tradizioni.

La Route 66 è una strada che unisce, in un mondo, come quello attuale, fortemente divisivo.

La Route 66 è una strada che accoglie, che regala emozioni, che mette al centro il concetto di comunità e di amicizia.

E’ impossibile tornare a casa e non aver socializzato con nessuno, è impossibile non portarsi in valigia i sorrisi e gli abbracci delle splendide persone conosciute in un viaggio lungo una strada così lontana da noi.

Tante sono state le splendide persone che ho conosciuto.

Linda della Blue Whale di Catoosa in Oklahoma, Fran , la “Flo” di Cars, del Sunflower Station di Adrian in Texas, Ian del 66-TO-CALI sul molo di Santa Monica e tanti altri ancora.

Gestori di motels, di negozi, viaggiatori con i quali ho incrociato il mio percorso, tutti hanno contribito a rendere indimenticabili i miei viaggi lungo la Route 66.

Friends for life” era il motto del compianto Gary Turner della Gay Parita Gas Station, ed è infatti l’amicizia che rende questa strada unica.

La Route 66 non è semplicemente una strada, ma è molto, molto di più.

Route 66. Auguri Angel!

Pubblicato: aprile 19, 2018 in Route 66

1

Angel Delgadillo, “The Guardian Angel of Route 66” oggi compie 91 anni.
Per qualsiasi appassionato della Route 66 Angel è una leggenda.

Il suo impegno e la sua testardagine, hanno portato lo stato dell’Arizona a riconoscere un tratto della Mother Road (quello tra la sua Seligman e Kingman), come strada dall’interesse storico, “Historic Route 66”.

Senza l’impegno di Angel probabilmente oggi non avremmo potuto avere il privilegio di vivere un sogno percorrendo una strada leggendaria.

 

via Route 66. Angel Delgadillo

Route 66 IV – Eastbound

Pubblicato: aprile 7, 2018 in Route 66

 

copertina_viaggio_3

Un viaggio inizia nel momento in cui si comincia ad organizzarlo.

La preparazione è infatti uno dei momenti più belli anche quando, come accade a me in questo caso, si conosce bene il posto dove si andrà.

E’ iniziata la fase di avvicinamento al mio quarto viaggio lungo l’intero percorso della Route 66, questa volta eastbound (da Los Angeles a Chicago), dopo 3 volte che l’ho percorsa secondo tradizione.

Ho ricevuto le conferme da tutti i motels e quindi non mi resta che aspettare.

E’ emozionante il pensiero di rivedere posti che adoro e persone che hanno reso speciali i miei precedenti viaggi.
Ma ci saranno anche cose nuove da vedere e nuovi amici da incontrare.

Come sempre, nonostante ormai il percorso mi sia abbastanza chiaro, sto buttando giù il mio itinerario, una sorta di promemoria, un rito, tra i tanti, che piace seguire.

Un rito appunto, come usare una delle mie foto, modificata, come copertina di tutto ciò che sarà legato al mio viaggio.

Il countdown è cominciato.

I’m getting ready for my 4th kick on Route 66!

I motels di quest’anno:

motels_2018

Route 66. La Strada ad ovest

Pubblicato: marzo 31, 2018 in Route 66

Copertina_Articolo

Ad ovest del midpoint di Adrian, il paesaggio cambia radicalmente.

Il verde lascia il posto al giallo delle vaste praterie ed al rosso delle rocce che dal New Mexico cominciano ad affiorare, ricordandoci, qualora non ce ne fossimo ancora accorti, di essere entrati nel west.

La temperatura d’estate sale man mano che ci si sposta verso il deserto fino a diventare rovente a Needles, la prima cittadina al di la del Colorado River.

La Route 66 da questo lato del Midpoint è meno tortuosa di quella appena percorsa, è più lineare e difficilmente la si può perdere.

Ad ovest c’è il tratto continuo di Route 66 più lungo dell’intera highway (da Ash Fork a Topock in Arizona), ma c’è anche molta noiosa interstate.

Però c’è anche la Route 66 dell’immaginario collettivo da questo lato del Midpoint, una striscia d’asfalto che si perde all’orizzonte.

Il tratto di Route 66 ad ovest del Midpoint è senz’altro più conosciuto di quello ad est, se non altro perché da queste parti ci sono i grandi parchi ed anche chi non sta percorrendo interamente la Mother Road, trovandosi in zona, di sicuro un breve pezzo lo farà.

Le emozioni, comunque, continuano, intense e coinvolgenti.


Glenrio – San Jon (Texas – New Mexico)

GPS: 35°10’40.1″N 103°03’02.2″W

DSC_5388

Le emozioni cominciano già poco dopo il Midpoint con uno dei tratti storici della Route 66, quello che dalla ghost town di Glenrio arriva a San Jon, tra Texas e New Mexico.

Dal Midpoint si riprende la I40 per un breve tratto per poi lasciarla alla “EXIT 0” in direzione Glenrio.

Da qui partono circa 18 miglia di strada sterrata che attraversa l’arida campagna del New Mexico, immersi nel silenzio rotto solo rumore continuo dei rattlesnakes che popolano la zona.

John Ford ha girato diverse scene di “Furore” da queste parti, quando Glenrio era ben diversa da quella che è oggi.

Nonostante oggi sia sterrato (un tempo non lo era), questo tratto della vecchia highway è molto ben tenuto anche se con la pioggia è buona cosa evitare di attraversarlo, preferendogli il tratto che costeggia la I40.


Mesita – San Fidel (New Mexico)

GPS: 35°00’46.1″N 107°19’17.4″W

mesita_SanFidel

Siamo nel west e la roccia rossa è intorno a noi a ricordarcelo.
Le prime tracce, infatti, cominciano ad apparire ai bordi della strada tra Mesita e San Fidel.

C’è la Dead Man’s Curve, una curva a gomito che, come si deduce dal nome, un tempo era molto pericolosa, e c’è anche l’Owl Rock, una roccia a forma di gufo.

Il tratto ondeggia dolcemente intorno alle formazioni rocciose senza alterare lo splendido paesaggio come avrebbe fatto una intestate qualunque.


Parks in the Pine (Arizona)

GPS: 35°15’56.0″N 111°52’45.3″W

Parks

C’è ancora un altro tratto sterrato da includere tra quelli da ricordare lungo questa parte del percorso della vecchia highway.

Siamo di poco ad ovest di Flagstaff dove si affronta un tratto inusuale, una Route 66 che non ti aspetti.

Il paesaggio è tipicamente quello di montagna; la strada, in parte sterrata, si nasconde tra i pini per poi arrivare, asfaltata, al Park in the Pine General Store.

È un bellissimo tratto, uno splendido e necessario contatto con la natura dopo le tante, troppe miglia di interstate 40 in questa prima parte di Arizona.


Historic Route 66 (Seligman – Kingman, Arizona)

GPS: 35°19’47.1″N 112°53’27.5″W

HistoricRoute66

In questo tratto c’è la storia.

È il primo tratto di Route 66 che, grazie all’impegno di Angel Delgadillo, ha avuto l’onore di fregiarsi della denominazione di “Historic Route 66”.

E’ anche il tratto che ha ispirato la Pixar per la collocazione della sua Radiator Springs.

La strada si allontana decisamente dalla I40 ed attraversa alcune storiche comunità: Seligman, Truxton, Peach Springs, Hackberry con il suo famosissimo General Store, ed infine Kingman.

Un tratto che commuove ed affascina.


Oatman Hwy (Arizona)

GPS: 35°01’38.3″N 114°18’31.9″W

OatmanHwy

E’ senza dubbio uno dei tratti più belli della Route 66 quello che oggi è denominato Oatman Hwy e che da molti, in passato era identificato come Bloody 66 per la sua pericolosità.

E’ il tratto di strada che da Kingman sale verso il Sitgreaves Pass per poi scendere ad Oatman.

Fu dismesso agli inizi degli anni 50 quando la Route 66 fu reistradata verso Yucca saltando completamente le Black Mountains.

Percorrere questo tratto di strada è emozionante, il susseguirsi dei tornanti, l’assenza di protezioni e le carcasse di automobili nella scarpata lo rendono estremamente suggestivo.


National Old Trails Hwy (California)

GPS: 34°45’09.1″N 115°13’29.8″W

NOTH

Un altro meraviglioso tratto storico è quello che attraversa il deserto del Mojave.

Erede della vecchia National Old Trails Road la strada in questa zona è quella che nell’immaginario collettivo è la Route 66 per eccellenza:
una striscia d’asfalto che si perde all’orizzonte.

Il suo nome oggi richiama quello del passato (National Trails Hwy) ma gli scudetti sulla strada ci ricordano con sufficiente frequenza che l’asfalto che si sta calpestando appartiene alla Mother Road.

Un tempo la vita in queste zone, seppur difficile, era molto più fiorente rispetto ad oggi.

Gran parte delle piccole comunità sono ormai poco più che un cumulo di macerie, ma il loro fascino è indiscutibile.

E’ un tratto molto sfortunato poiché alcuni flash flood (abbastanza frequenti in questa zona), nel 2014 e nel 2017 hanno danneggiato diversi ponti obbligando il dipartimento dei trasporti della California a chiuderlo al traffico.

Nei miei 3 viaggi lungo la Route 66 l’ho percorso 2 volte, la terza, a maggio 2017, era in parte chiuso (da Essex a Chambless).

Il senso di libertà lungo questo tratto avvolge il viaggiatore regalandogli attimi di emozione intensa.


 

La Route 66 ad ovest, così come ad est, regala emozioni.

Ma qui lo fa in modo diverso.

Non ammaliando il viaggiatore con la sua dolcezza, ma proiettandolo in una dimensione estrema, selvaggia.

Lo fa mostrando la sua faccia più dura, attraverso gli spazi immensi ed il senso di solitudine che ti pervade mentre lo attraversi.

Le temperature rendono l’asfalto luminoso e rovente, il silenzio spesso è assordante.

Sia ad est che ad ovest la Route 66 distribuisce emozioni che difficilmente si potranno dimenticare.