Archivio per la categoria ‘Route 66’

17 - Chicago - Italia


2 Settembre 2019. Deep South & Route 66: “Chicago – Italia”

Il diario di viaggio si chiude qui, da casa.
E’ un primo bilancio a caldo, con il jetlag in costante agguato.
È stato un bellissimo viaggio, molto articolato, che ha spaziato dai diritti civili, difesi fino all’estremo sacrificio da Martin Luther King, alla schiavitù vista dal lato opulento dei padroni e da quello silenzioso degli schiavi.
Ed è incredibile come il canovaccio sia sempre lo stesso, nei secoli dei secoli.
Non far sapere la reale condizione degli schiavi ed anzi diffondere notizie sulla loro felicità permetteva, a chi beneficiava della loro manodopera, di perseverare.
Le piantagioni quindi, splendide nello sgargiante vestito dei signori, squallide ed amare quando il vestito era quello degli schiavi.
E poi la villa dell’800 dove abbiamo dormito.
Così bella da lasciare senza fiato.
La colazione servita insieme agli altri ospiti, il manager prodigo di consigli ed ammirato dal nostro paese di provenienza.
La stupenda palude di New Orleans, un luogo selvaggio, popolato da animali selvatici ed insetti pericolosi.
New Orleans stessa, bella come non mi aspettavo, ma calda ed umida oltre le mie aspettative.
La musica di Nashville, Memphis e New Orleans, così lontana dai miei gusti ma che questo viaggio l’ha fatta sentire un po’ mia.
Elvis e la sua Graceland mi hanno commosso, restituendomi l’immagine di un re umano, molto più di quello che potevo immaginare.
La potente, enorme influenza che ha avuto sulla musica, anche e soprattutto sulla “mia”, e sul costume del mondo intero hanno ovviamente oscurato un affascinante e commovente lato umano.
Ed anche Johnny Cash, che conoscevo solo di nome, ma che grazie a questo viaggio ho scoperto di amare (prima di partire avevo visto “Walk the line”, il film, e l’ho rivisto molto più consapevolmente sul volo di ritorno).
Ho anche acquistato un suo 45 giri al Sun Studio di Memphis, altra tappa bellissima.
E poi la NASA di Houston, il sogno di ogni bambino.
Vedere cosa l’uomo è in grado di fare quando le condizioni in cui deve operare sono essenziali e non lasciano spazio alla ridondanza, fa riflettere.
La storia del Texas con Alamo a San Antonio, l’orgoglio di ogni texano arriva da li.
E poi lei, la “mia” Route 66.
Di lei non parlerò, perché sarei di parte e finirei per ripetermi.
Voglio tuttavia parlare ancora della sua gente, del popolo della Route 66, raccontando cosa ha fatto, ancora una volta, per noi.
Ho preso ancora di più la consapevolezza che dopo 5 volte che l’ho percorsa (4 interamente più la parte est di quest’anno) e le tante foto che posto continuamente nei tanti gruppi di Facebook, non posso più passare inosservato.
Sono seguito e coccolato ed è una splendida sensazione.
Viaggiare ed essere atteso, viaggiare verso il sorriso e la disponibilità di un amico.
Il popolo della Route è fantastico.
Al Blue Swallow Kevin e Nancy mi hanno regalato la Lillian Redman Suite, un sogno per me che adoro quel motel e Miss Lillian.
E poi ancora una targa del loro motel in regalo dopo che hanno saputo di un mio imminente progetto.
Al Western Motel di Shamrock il titolare, al telefono, mi ha informato di avermi riservato la stanza proprio davanti al loro monumento: l’U-DROP INN.
O al Desert Hills di Tulsa dove al check out il titolare mi ha regalato un cuscino con lo splendido neon serigrafato sopra.
E Penny, una mia amica di Facebook che ho incontrato per la prima volta che mi ha invitato a colazione in uno dei diners più belli della zona, un posto da veri roadies, vietandomi, la prossima volta che sarò li, di prenotare motels, perché mi ospiterà a casa sua, a Springfield (Il).
La sua amica, che realizza splendide magliette della Route 66, ne ha regalata una a me ed una a mia moglie.
Tutto ciò lascia senza parole.
Tutto ciò accresce il mio amore per quella strada e per la sua gente.
No, della Route 66 in questa conclusione del diario non ne voglio parlare.
Non ce n’è bisogno.
Preferisco lasciare la scena a loro, alla gente della Mother Road.
Nessuno la saprebbe descrivere meglio.

67408664_10219009422177253_1281130337136541696_n

 

69399452_10219304043902303_3595510697657630720_n

Linda della Blue Whale

69404709_10219320284788315_231526542872674304_n

Connie del Wagon Wheel Motel

69455477_10219297635622409_1768835963930279936_n

Con Penny ed il proprietario del Motorheads Grill

69457229_10219273545340167_8276605337503531008_n

Il mitico John Hargrove di Arcadia

69488331_10219297635382403_7056662766618148864_n

Con Holly e Tully del Launching Pad Drive In

69551276_10219311273083028_4355580893843161088_n

Con Nancy e Kevin del Blue Swallow Motel di Tucumcari (NM)

69387389_10219308968545725_1357662801765597184_n

Marie e Penny

 

16 - Carlinville - Chicago


1 Settembre 2019. Route 66: “Carlinville – Chicago”

Il tempo lungo la Route 66 non basta mai, le giornate sembrano volare via.

Dopo colazione ho lasciato la splendida Carlinville in direzione est, per l’ultimo intenso tratto della Mother Road.
Subito la Turkey Tracks di Nillwood, lungo lo splendido tratto pre 1930, e soprattutto lei: la Auburn Brick Road, la bellissima strada in mattoni rossi.
Ma c’era un appuntamento a cui, questa volta, non potevo mancare ed era con Penny una spledida persona della Route 66 con la quale mi sarei già dovuto incontrare lo scorso anno ma, per via del poco tempo a disposizione, il giorno nel quale percorsi questo tratto l’incontro saltò.
L’appuntamento era per stamattina in un diner di recente costruzione ma dalle straordinarie ambizioni: il Motorheads di Springfield.
Un diner molto bello, grande, in continua evoluzione e dove si mangia bene.
C’è anche un museo che raccoglie tanti cimeli della Route accanto al locale.

Incontrarsi di persona dopo essersi conosciuti su Facebook è sempre emozionante. Sembra di conoscersi da anni anche se non ci si è mai incontrati.
Abbiamo trascorso una piacevole ora mangiando e chiacchierando della Route e della sua gente.
Avrei potuto stare di più, ma la strada da percorrere era tanta ed il tempo, come sempre, sulla Route non basta mai.
Abbiamo ripreso il viaggio incrociando le bellissime icone che questo tratto della vecchia highway custodisce.
L’Illinois a mio parere ha le più belle stazioni di servizio della Route 66, e rivederle, anche se per la quinta volta, è davvero sempre una gioia per gli occhi e per il cuore.
E poi ancora il Gemini Giant, uno dei più famosi muffler men della Route 66, con il suo Launching Pad Drive In riaperto da poco come diner.
Anche qui la splendida magia dell’incontro dopo l’amicizia virtuale di Facebook si è ripetuta.
Holly la proprietaria del locale, assieme al compagno, è da un po’ tra le mie amicizie di Facebook ma non ci eravamo mai incontrati prima.
Vedendomi girovagare nell’area dedicata al gift shop, si è avvicinata chiedendomi di dove fossi, ed è allora che le detto chi ero e se si ricordava di me.
È stato un altro bell’incontro.
E poi… E poi ho salutato ancora una volta la “mia” Route 66, il viaggio è giunto al termine.
Ma ormai so che è solo un arrivederci.
Non riesco a stare lontano per troppo tempo da questa strada e dalla sua gente.

 

15 - Cuba - Carlinville


31 Agosto 2019. Route 66: “Cuba – Carlinville”

Il Wagon Wheel è un bellissimo motel, una pietra preziosa della Route 66 incastonata nel verde Missouri.
Ti sembra di stare in montagna per via della sua forma particolare e, questa volta, anche del tempo fresco e nuvoloso.
Dopo una piacevole chiacchierata con la simpatica Connie, la proprietaria del motel, abbiamo fatto una veloce visita ai vicini Bob’s Gasoline Alley e Fanning 66 Outpost, con la sua enerme sedia a dondolo, prima di metterci in viaggio pronti a lasciare il Missouri ed entrare nell’ultimo stato per chi, come noi, sta percorrendo la Route 66 verso est: l’Illinois.
L’est della Route 66 è la parte che preferisco, per il paesaggio e per la sinuosità della strada che si nasconde nei boschi, una combinazione che la rende romantica, dolce, irresistibile.
Entrati in Illinois ci fermiamo al Twistee Treat, un bellissimo locale in stile anni 50 dove fanno degli ottimi hamburger, sicuramente i più buoni mangiati quest’anno.
E poi una tappa immancabile, quella dal grande Rich all’Henry Rabbit Ranch.
È sempre bellissimo fermarsi li, chiacchierare con lui mentre i suoi simpatici conigli ci guardano sonnecchianti.
Rich è una bellissima persona della Route 66.
Il tragitto oggi era piuttosto breve, la Route 66 ci avrebbe condotto nella bellissima Carlinville, una cittadina che si trova sul vecchio tratto della Route 66, quello che dopo gli anni 30 sarebbe stato sostituito con uno più ad est, verso Litchfield, dove si trova l’Ariston Café, uno dei ristoranti storici più famosi della vecchia highway.
E proprio l’Ariston Café, prima di questo spostamento di percorso, si trovava a Carlinville, sulla sua bellissima piazza.
Domani affronteremo l’ultimo tratto della Mother Road, un tratto molto bello e denso di cimeli.

 

14 - Tulsa - Cuba


30 Agosto 2019. Route 66: “Tulsa – Cuba”

Cominciano a mancarmi le parole per descrivere cosa sia realmente la Route 66.
Credo di averlo scritto in ogni modo.
La Route 66 non è il diner, non è la gas station arrivata a noi dagli anni 30 e men che meno lo scudetto sull’asfalto.
La Route 66 è la sua gente.
Persone speciali che costantemente ti fanno sentire a casa tua.
Stamattina al Desert Hills di Tulsa, il motel dove avevo dormito, al check out la titolare mi ha chiesto conferma del numero della stanza dopodiché ha allungato verso di me le sue mani che tenevano un piccolo cuscino con sopra lo stemma del loro motel e la sua bellissima insegna al neon.
Resto senza parole per quel gesto cosi carino ed inaspettato.
La giornata meglio di così non poteva iniziare.
Ho passato un po’ di tempo a Tulsa stamattina, a fotografare le sue icone legate alla Mother Road, alcune ci arrivano da un tempo lontano, altre sono piuttosto recenti, come la splendida scultura in ferro a forma di scudetto della Route 66, inaugurata meno di un anno fa, o il muffler man “space cowboy” che ha solo qualche mese.
È buon segno che in città grandi come Tulsa si pensi alla vecchia highway.
L’immancabile tappa successiva è la Blue Whale di Catoosa della mia amica Linda.
Siamo in contatto su Facebook da tanti anni e ci siamo incontrati due anni fa.
Fu un incontro molto divertente.
Stamattina ero li alle 10, il cancello era aperto ma nel gift shop non c’era nessuno.
Dopo qualche minuto è arrivata Linda, mi ha visto e mentre apriva la porta del locale mi ha chiesto di dove fossi.
Non mi aveva riconosciuto.
A quel punto le ho detto sorridendo: “sono Franco non mi ricosci?”
Ha realizzato subito ed è venuta verso di me per abbracciarmi.
Abbiamo trascorso un bel po’ di tempo a chiacchierare di tutto: del passato e del futuro della Blue Whale, di lei, dei miei viaggi sulla 66 e dei personaggi improbabili che spesso capitano li.
Davvero una splendida mattinata.
Dopo i saluti ho proseguito verso est, sotto una pioggia intermittente.
Uno stop alla sempre bellissima Ribbon Road di Narcissa, al Cars on the Route di Galena, al Gay Parita di Paris Spring in Missouri hanno scandito la mia giornata.
Giornata conclusasi con una visita a vecchi cimeli di questo tratto della Route 66: lo Stonydell Resort, il pozzo artesiano che con la sua freddissima acqua ne alimentava la  piscina ed il John’s Modern Cabins.
Ed ora sono qui nello splendido Wagon Wheel Motel di Cuba, in attesa che spiova per scattare, ancora una volta, centinaia di foto alla struttura illuminata da bellissimi neon.

 

 

 

13 - Shamrock - Tulsa


29 Agosto 2019. Route 66: “Shamrock – Tulsa”

Stamattina l’alba a Shamrock era bellissima, di quelle che solo la Route 66 sa regalare.
Non potevo quindi non scendere in strada presto ed immortalarla con la solita quantità infinita di scatti.
l’imponente U-DROP INN aveva ancora i neon accesi, sa di essere bello e ce la metteva tutta per fornirmi le pose migliori.
Dopo una piacevole visita al gift shop ed al diner del U-DROP INN, siamo partiti in direzione est.
La tappa più importante per me era quella alla tomba di Lucille Hamons, la Mother of the Mother Road, una delle figure più amate dal popolo della Route 66, ed anche da me.
Ho letto tanto su di lei ed è sicuramente una delle persone che mi sarebbe piaciuto conoscere.
Prima però mi sono fermato ancora alla sua bellissima gas station, ho controllato la presenza dei miei adesivi attaccati lo scorso anno e ne ho attaccati di nuovi.
Ed ovviamente ho scattato le solite tantissime foto.
Sono passato ancora una volta da John Hargrove di Arcadia, uno straordinario artista che ho incontrato altre due volte in occasione dei miei precedenti viaggi lungo la Route 66.
Sono arrivato a Tulsa di sera, con lo splendido neon del Desert Hills gia acceso.
È uno dei più belli della Mother Road, ed ovviamente mi ha catturato tenendomi prigioniero dei suoi colori per un bel po’.
Sono giornate queste che vorrei non finissero mai.

 

12 - Tucumcari - Shamrock


28 Agosto 2019. Route 66: “Tucumcari – Shamrock”

Non è mai semplice lasciare il Blue Swallow.
Non è solo un motel, è pura poesia.
La mattina ha seguito lo stesso schema del passato: sveglia presto, macchina fotografica al collo e lato della Route 66 da percorrere per immortalare il suo risveglio.
Il cielo era coperto e quindi i colori dell’alba sono stati soffocati dalle nuvole.
Ma è stato bello lo stesso.
E poi, come tradizione, colazione al Kix on 66 prima di impacchettare tutto e partire.
Il saluto con Nancy e Kevin è stato come sempre caloroso.
Ci rivedremo presto di sicuro.
Sono davvero due splendide persone.
Una fermata al museo della Route 66 di Tucumcari ed un successivo stop al Russel’s Truck travel center di Glenrio, per un saluto a Jerry, hanno dato il definitivo via alla giornata.
E poi i classici midpoint, con torta annessa, Cadillac Ranch e le prime stazioni di servizio del Texas che si incontrano arrivando da ovest.
Nel tardo pomeriggio sono arrivato a Shamrock, al Western motel.
Il titolare, mio amico su Facebook, mi ha riservato la stanza proprio di fronte allo splendido U-DROP IN, che, con le prime luci della sera, ha cominciato ad illuminare la vecchia highway.

Affacciarsi sulla Route 66 è una bella sensazione.

 

USA 2019. Il trailer

Pubblicato: agosto 4, 2019 in Route 66, USA

Immagine copertina vacanza - CANVAS_2


Il trailer che anticipa l’imminente viaggio attraverso il sud degli Stati Uniti e di nuovo la Route 66. 

Route 66. Turisti e viaggiatori

Pubblicato: luglio 27, 2019 in Route 66

io_Shaffer

Un viaggio lungo la Route 66 non è per tutti.

Molte persone ne percorrono solo un piccolo tratto, dopo che magari hanno visitato i parchi del west.

Spesso, in questi casi, nascono improponibili paragoni che condizionano negativamente il loro giudizio sulla Mother Road.

Costoro non sanno nulla della storia della Route 66 e quel poco che hanno visto lo considerano non come parte di un tutto (l’intero percorso della Route 66 che ovviamente non conoscono), ma “il tutto”, e per questo giungono a conclusioni sbagliate.

La vecchia Route 66 non esiste più“, “lo spirito si è perso” (una classica frase fatta, lo spirito della Route questa gente non sa neanche cosa sia), “non vale la pena percorrerla, meglio le interstates”, sono le frasi più frequenti che questa gente è in grado di produrre.

La Route 66, dicevo, non è per tutti, sicuramente non è per turisti.

Non c’è nulla di male ad essere turisti, bisogna tuttavia averne consapevolezza, soprattutto quando si esprimono giudizi o si danno consigli.

Essere turisti o viaggiatori non è solo una scelta, ma è un modo di vivere.

Il viaggiatore è curioso, il turista no.

Il turista ti chiede “cosa c’è di bello da vedere su quel tratto di Route?”.

Il viaggiatore lo sa già, conosce la storia di quello che incontrerà perché la sua curiosità lo ha portato a documentarsi.

Il turista è alla ricerca degli scudetti sull’asfalto per riempire il telefono (ed i social media) di selfie, il viaggiatore cerca vecchi locali abbandonati che si reggono in piedi per miracolo, ma che sono in grado di raccontare tanto della vecchia highway.

Il turista compra le magliette da Walmart, il viaggiatore le compra dal piccolo gift shop perché sa che i suoi 20 dollari vanno a finire in buone mani, e magari la prossima volta che torna da quelle parti troverà quel negozio ancora aperto, anche grazie a lui.

Il viaggiatore conosce la differenza tra bellezza e fascino, il turista li confonde.

Ed il turista, per questo motivo, tende a fare paragoni tra cose che per loro natura non sono paragonabili (la Route ed i parchi).

E’ come se prendessimo una splendida, fiammante Corvette rossa e la paragonassimo ad una vecchia 500, sono entrambe automobili, ma tra di loro profondamente diverse.

Entrambe tuttavia possono regalare emozioni, basta solo avere le idee chiare su cosa se ne vuol fare.

Ecco, la Route 66 è come una vecchia 500 che quando la guidi ti regala, tra le tante cose, anche l’emozione di viaggiare tra i ricordi di un passato che magari avevi rimosso.

La Route 66, con le sue storie, ha lo straordinario potere di suscitare forti sensazioni in chiunque, indipendentemente dalla cultura, dalle tradizioni e dal paese di provenienza di chi la percorre.

La Route 66 racconta storie di gente comune, storie di vita quotidiana che spesso non è poi così diversa dalla nostra.

Bisogna tuttavia essere disposti ad ascoltarla.

Se vogliamo essere pignoli, la Route 66 di bello non ha quasi niente, sicuramente non è paragonabile ad un parco naturale.

Ma sono proprio le sue storie e la sua gente che la rendono unica.

Probabilmente però tutto questo per un turista è un po’ poco.

Badate, non c’è niente di male a scegliere di passare le proprie vacanze in un villaggio o in luoghi conosciutissimi, anche americani, dove vanno tutti, non c’è niente di male quindi ad essere un “turista”, ma solitamente chi sceglie questi posti come meta delle proprie vacanze, fatica a capire un viaggio lungo la Route 66 e se accidentalmente gli capita di farlo non apprezzerebbe quasi nulla di quello che incontra, men che meno quelle che lui riterrebbe solo delle malandate, brutte costruzioni che spesso si incontrano viaggiando lungo il tracciato della vecchia highway.

Il turista potrà apprezzare gli artificiosi colori di una Williams o la paracula, finta festosità del Big Texan, ma non capirebbe Glenrio e il suo silenzio rotto solo dal sibilo del vento e dal sinistro suono dei rattlesnakes.

Non sa cosa sia stata Glenrio, non sa cos’è stato il Dust Bowl e le tante persone che per colpa sua fuggivano verso ovest cariche di sogni e di speranze e che con i propri mezzi di fortuna passavano di li ogni giorno.

Il turista non apprezzerebbe la Shaffer Spring Bowl, apparentemente solo una pozza d’acqua, un abbeveratoio per muli, ma un tempo determinante per coloro che percorrevano quel tratto della Route 66.

Il turista non perderebbe tempo a parlare con un vecchio chiacchierone che ti racconta quanto ha sofferto quando gli hanno aperto una strada più grande e veloce proprio accanto a quella che gli dava da vivere.

E potremmo andare avanti ancora.

Il turista tutto questo lo ignora.

Magari arriva sulla Route dopo qualche notte al Venetian di Las Vegas e si lamenta perchè un motel storico ha il condizionatore rumoroso o la porta si chiude a fatica.

Il viaggiatore legge, si informa, scava alla ricerca della vera anima delle cose, il turista guarda le figure.

Per poter giudicare bisogna conoscere ed il turista, della Route 66, non sa niente.

Il suo giudizio ed i suoi consigli sono sempre generici, superficiali e soprattutto pericolosi per chi vuole avvicinarsi alla magia della Route 66.

Deep South & Route 66 (LIVE)

Pubblicato: giugno 9, 2019 in Route 66, USA

Immagine copertina vacanza - CANVAS_2


Il prossimo agosto tornerò negli USA e percorrerò di nuovo, per la quinta volta, il tratto est della Route 66, da Tucumcari a Chicago.

Il viaggio mi porterà principalmente nel sud degli Stati Uniti; partirò da Atlanta per proseguire verso Nashville, Memphis, Natchez, New Orleans, Houston, San Antonio, Abilene e poi da qui verso Tucumcari dove, appunto, riaggancerò la “mia” Route 66.

Percorrerò la Hwy 61, la Blues Highway, da Memphis fino a New Orleans, una strada piena di storie e di leggende che racconterò, come di consueto, con video, foto e resoconti giornalieri.

Dormirò in una villa dell’800 immersa in una piantagione, una di quelle splendide costruzioni che sono un po’ l’emblema degli stati del sud.

Visiterò diverse piantagioni e trascorrerò qualche giorno New Orleans.

E poi… e poi di nuovo la “mia” Route 66, la sua parte est, la mia preferita.

Sarà la mia sesta volta consecutiva al Blue Swallow Motel di Tucumcari in New Mexico, un motel che adoro per la sua storia e per l’amicizia e la cordialità di Nancy e Kevin, i due splendidi proprietari.

Dormirò ancora al Wagon Wheel di Cuba, un altro gioiello che la Mother Road propone al viaggiatore.

Nel mio itinerario, come consuetudine, ci sono solo motels storici, strutture che sanno raccontare la Route 66 come nessun’altro.

Sarà un viaggio immerso nella musica, nella storia e nella mia più grande passione:
la Route 66.


Le tappe:
GIORNO DATA PARTENZA ARRIVO
1 13/8/2019 ITALIA ATLANTA
2 14/8/2019 ATLANTA ATLANTA
3 15/8/2019 ATLANTA ATLANTA
4 16/8/2019 ATLANTA NASHVILLE
5 17/8/2019 NASHVILLE NASHVILLE
6 18/8/2019 NASHVILLE MEMPHIS
7 19/8/2019 MEMPHIS (Hwy 61) NATCHEZ (Hwy 61)
8 20/8/2019 NATCHEZ (Hwy 61) NEW ORLEANS (Hwy 61)
9 21/8/2019 NEW ORLEANS NEW ORLEANS
10 22/8/2019 NEW ORLEANS NEW ORLEANS
11 23/8/2019 NEW ORLEANS NEW ORLEANS
12 24/8/2019 NEW ORLEANS HOUSTON
13 25/8/2019 HOUSTON SAN ANTONIO
14 26/8/2019 SAN ANTONIO ABILENE
15 27/8/2019 ABILENE TUCUMCARI (Route 66)
16 28/8/2019 TUCUMCARI (Route 66) SHAMROCK (Route 66)
17 29/8/2019 SHAMROCK (Route 66) TULSA (Route 66)
18 30/8/2019 TULSA (Route 66) CUBA (Route 66)
19 31/8/2019 CUBA (Route 66) CARLINVILLE (Route 66)
20 1/9/2019 CARLINVILLE (Route 66) CHICAGO (Route 66)
21 2-3/9/2019 CHICAGO ITALIA

I motels della Route 66:
TAPPA GIORNALIERA MOTEL
TUCUMCARI (NM) Blue Swallow Motel
SHAMROCK (TX) Western Motel
TULSA (OK) Desert Hills Motel
CUBA (MO) Wagon Wheel Motel
CARLINVILLE (IL) Carlin Villa Motel

Logo_Dummies_WEB


Una sintesi delle domande più frequenti che mi vengono poste sulla Route 66 raccolte in una sorta di botta e risposta per presentare la Mother Road a chi non la conosce.


  • Che cos’è la Route 66?
    • La Route 66 è stata la più famosa highway americana, una strada che ha attraversato, da est ad ovest, gran parte del paese.
  • Perchè parli al passato? Non esiste più la Route 66?
    • La Route 66 ufficialmente non esiste più, è stata dismessa il 27 giugno del 1985.
  • Quindi cosa si intende oggi per Route 66?
    • Per Route 66 è da intendersi l’insieme delle strade che in tempi diversi hanno fatto parte della US Highway 66.
      E’ una sorta di percorso virtuale, un mosaico di strade che oggi hanno spesso nomi diversi non sempre riconducibili al loro passato.
      Si chiamano, ad esempio, Hwy Z, AA, Pecos Dr., e tutte insieme compongono la Route 66.
      Per questo motivo, quindi, la Route 66 oggi non è da considerarsi come un unico percorso.
  • Da dove parte e dove arriva la Route 66?
    • La Route 66 parte da Chicago in Illinois e termina a Santa Monica in California. Inizialmente, dopo la sua costituzione e per un periodo di circa 10 anni, la Route 66 terminava a Los Angeles, all’incrocio tra la 7th e la Broadway.
      (Vedi: “End of the Trail“)
  • Quanti stati attraversa?
    • Attraversa 8 stati: Illinois, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas, New Mexico, Arizona e California.
  • Quanto è lunga la Route 66?
    • Non è semplice oggi stabilire quanto sia lunga la Route 66, principalmente per i motivi legati al fatto che si possono percorrere tanti tratti che ne hanno fatto parte in periodi diversi. Orientativamente possiamo considerarla lunga circa 3.670 Km
  • Cos’ha di così bello la Route 66? Io in fondo conosco solo gli scudetti sull’asfalto.
    La Route 66 è un viaggio nel tempo, un tempo in cui la vita era più semplice ed i rapporti umani importanti.
    La Route 66 è genuina ed affascina con il suo modo ingenuo di raccontarsi attraverso i sui innumerevoli piccoli, grandi cimeli.
    Racconta l’America di una volta, un’America che non esiste più se non nel cuore e nei ricordi di chi l’ha vissuta.
    Ogni curva del suo splendido tracciato ha una storia da raccontare ed ascoltare queste storie è commovente ed entusiasmante insieme.
    La Route 66 è la strada della gente, lo splendido popolo della Mother Road che riesce sempre a trasformare il viaggio in una straordinaria avventura.
    Un viaggio lungo la Route 66 resterà nel cuore per sempre.

  • Perchè qualcuno la chiama “Mother Road” (Strada Madre)?
    • Fu John Steinbeck con il suo romanzo “Furore” (The Grapes of Wrath) ad attribuirgli quel soprannome.
      La Route 66 durante il Dust Bowl fu la via di fuga verso la California per tantissime persone che lasciavano la propria terra in cerca di un lavoro e di un futuro migliore.
      Steinbeck descrisse la Route 66 come “La Strada Madre, la strada della fuga“.
  • Perché il percorso si considera sempre da est ad ovest?
    • Lo si considera da est ad ovest (Westbound) per tradizione. Perché le highways americane furono tecnicamente concepite in questo modo, da est ad ovest, perché nel DNA degli americani c’è sempre stato il desiderio di viaggiare verso ovest, perché ai tempi della Grande Depressione e del Dust Bowl coloro che vivevano nei territori delle grandi pianure migrarono massicciamente verso la California in cerca di fortuna percorrendo la US66.
  • E’ meglio percorrere la Route 66 Westbound o Eastbound?
    • Per tradizione, come detto, il percorso della Route 66 è Westbound, da Chicago a Santa Monica. Se si percorre la Route 66 per la prima volta e si ha voglia di vivere la strada e la sua storia, immaginandola ai suoi tempi d’oro, il percorso Westbound è da preferire. Tra i due modi di percorrere la strada ci sono delle piccole differenze che si percepiscono solo se la si è già percorsa in uno dei due versi. Dal punto di vista economico, percorrendola Eastbound (da LA a Chicago) ci sono buone probabilità di non pagare il Drop Off per il noleggio auto.
      (Vedi: Westbound Vs. Eastbound)
  • Che cos’è il Drop Off?
    • Il Drop Off, o tassa di sola andata, è un sovrapprezzo che generalmente viene chiesto dalle compagnie di noleggio auto per la riconsegna del mezzo in uno stato diverso da quello in cui si è ritirato. In un percorso Westbound è quasi sempre richiesto, al contrario, percorrendo la Route 66 Eastbound (da LA a Chicago) alcune compagnie non lo chiedono.
      Di solito il Drop Off ammonta a circa 500 Dollari più tasse.
  • Perché nella tua mappa ci sono diversi tratti, anche vicini, marcati come Route 66?
    • perché nel tempo, per migliorare la viabilità, alcuni tratti furono abbandonati e sostituiti da nuovi percorsi. Molti di questi vecchi tratti sono ancora oggi percorribili e sono marcati come PRE 19xx (dove al posto delle x è riportato l’anno fino al quale questi tratti hanno fatto parte della US66).
      Come dicevo prima, la Route 66 oggi non è una sola strada.
  • Trovo la Route 66 sulle mappe stradali?
    • No, come ho detto prima, la Route 66 in quanto tale non esiste più, oggi ai tratti che ne hanno fatto parte sono stati assegnati nomi diversi. Spesso ci sono dei cartelli che indicano che la strada che si sta percorrendo, nonostante si chiami, ad esempio, Pecos Dr., è la vecchia US66, ma la loro presenza non è continua lungo tutto il percorso.
  • Quanto della Route 66 è ancora percorribile?
    • Circa l’85% del vecchio tracciato della Route 66 è ancora percorribile. Il resto è stato sostituito dalle interstates
  • Perché su google map spesso leggo “Route 66” in corrispondenza delle interstates?
    • Perché quei tratti di interstates sono stati realizzati al posto dei vecchi tracciati della Route 66.
  • Posso usare il navigatore per percorrere la Route 66?
    • Si, ma solo con un itinerario già tracciato. Se si inseriscono le tappe di partenza e di arrivo il navigatore farebbe percorrere le Interstates e non la Route 66.
  • Come faccio a non perdere il percorso della Route 66?
    • Bisogna dotarsi di una guida specifica. La “EZ 66 for Travelers” di Jerry McClanahan è la migliore.
      Oppure utilizzare le mappe di questo sito.
  • Ci sono servizi e strutture alberghiere lungo il percorso della Route 66?
    • Assolutamente si. A parte il tratto desertico in California, la Route 66 attraversa una miriade di agglomerati urbani, più o meno grandi, che sono ovviamente dotati di strutture alberghiere, stazioni di servizio, negozi e supermercati.
  • Bisogna prenotare i motels prima di partire?
    • Se si vuole pernottare nei motels storici (strutture da preferire alle catene più famose), ed essere sicuri di trovare posto, è opportuno prenotarli per tempo. Sono strutture spesso piccole e molto ricercate dagli appassionati per cui le stanze si esauriscono in fretta. Se non si ha interesse a dormire in queste strutture storiche (e sarebbe un peccato), allora si può viaggiare senza prenotare, anche se, nei periodi di “alta stagione” e nei weekend in alcune piccole località potrebbe non essere semplice trovare da dormire.
  • Perché gran parte delle costruzioni storiche lungo la Route 66 sono in cattive condizioni?
    • Buona parte di queste costruzioni sono proprietà privata e magari i proprietari si sono trasferiti altrove e non hanno interesse a mantenere in buono stato quelli che nel frattempo sono diventati dei cimeli della Mother Road. Ogni anno lo stato federale attraverso il “Route 66 Corridor Preservation Program” stanzia dei fondi ed individua delle strutture da restaurare, ma spesso questi fondi non sono sufficienti (parliamo di una strada lunga 4 volte l’Italia). Gran parte dei restauri sono spesso finanziati da donazioni private attraverso delle raccolte fondi tra gli appassionati.
      (vedi: “La difficoltà di mantenerla in vita“).
  • Ci sono tratti sterrati lungo la Route 66?
    • Si, ci sono alcuni bellissimi tratti sterrati, anche ben tenuti, che risalgono ai primi anni di servizio della Mother Road. Sono generalmente delle opzioni che non necessariamente bisogna percorrere, dipende dalla voglia e dalla curiosità di chi sta affrontando il viaggio. Ed ovviamente anche dalle condizioni atmosferiche.
  • Si possono percorrere senza problemi questi tratti sterrati?
    • Si, come dicevo, sono generalmente in buono stato, ma se piove è saggio evitare di percorrerli per non incorrere in problemi (in alcune zone i flash flood sono abbastanza frequenti). Occorre tuttavia considerare che le compagnie di noleggio auto non consentono, in genere, di percorrere tratti sterrati, quindi si percorrono a proprio rischio e pericolo assumendosi la responsabilità nel caso succeda qualcosa.
  • Spesso fai riferimento ad un certificato di percorrenza, che cos’è e dove si prende?
    • Il certificato di percorrenza è un bellissimo souvenir che testimonia il completamento di un viaggio che resterà nel cuore. Si acquista al 66-TO-CALI, il primo chiosco che si incontra sul Santa Monica Pier, poco prima del cartello “END OF THE TRAIL“. I ragazzi del negozio (tra cui Ian, un amico e profondo conoscitore della Route 66), faranno alcune semplici domande sul percorso che si è fatto, giusto per capire se la Route 66 la si è percorsa per davvero interamente. Non bisogna dimostrare nulla di particolare, il certificato è solo uno splendido ricordo da portare a casa.
      L’iniziativa è patrocinata da alcune figure mitiche della Mother Road; oltre a Ian, c’è Michael Wallis (lo sceriffo di Cars della Pixar), uno straordinario scrittore che sa raccontare la Route 66 con incredibile passione.
      Io per il momento ho 4 certificati, e sull’ultimo, visto che l’ho percorsa al contrario, da LA a Chicago, ho chiesto che mi venisse scritto “Eastbound” in cima al documento.
      Ovviamente l’ho acquistato prima di partire in direzione est, verso Chicago.
      Il costo ad Agosto 2018 era di 11 Dollari.
  • Quanto può costare un viaggio lungo la Route 66?
    • Dai un’occhiata qui 
  • Quanti giorni ci vogliono per percorrerla?
    • Dai un’occhiata qui 
  • Quale è il periodo migliore?
    • Dai un’occhiata qui

CENNI STORICI

  • Quando è nata la Route 66?
    • Il 30 aprile del 1926 le è stato assegnato il nome
    • L’11 Novembre del 1926 nasce ufficialmente
  • Quando è stata dismessa?
    • il 27 Giugno del 1985 viene dismessa, è quindi rimasta “in servizio” per 59 anni
  • Qual è il suo nome corretto?
    • Il nome corretto nel periodo in cui era in servizio è stato US Highway 66.
  • Perché ha assunto quel nome?
    • Nel 1926 l’organismo che sovrintendeva alla definizione delle nuove strade interstatali decise che:
      • Le Hwys Nord/Sud dovevano assumere numerazione dispari (quelle più importanti e che attraversavano gran parte del paese, le Transcontinental Hwys, dovevano terminare per 1 o 5)
      • Le Hwys Est/Ovest dovevano assumere numerazione pari (quelle più importanti e che attraversavano gran parte del paese, le Transcontinental Hwys, dovevano terminare per 0)
      • La Route 66 doveva chiamarsi US60, poi 62 ed infine si scelse il 66

(Vedi: “Doveva chiamarsi 60…“)

  • Perché è stata dismessa?
    • Perché il suo tracciato, come quello di tante altre highways, era ormai diventato inadeguato e pericoloso per il crescente numero di macchine circolanti e perché bisognava modernizzare la viabilità del paese. Il presidente Eisenhower, innamoratosi delle Autobahn tedesche ai tempi della seconda guerra mondiale, nella metà degli anni 50 promulgò una legge per l’ammodernamento della viabilità degli USA attraverso la realizzazione delle interstates anche come strumento di difesa in caso di crisi.
      (Vedi: “L’inizio della fine“)
  • Parli della Route 66 come se fosse viva, in fondo è solo una strada non credi?
    • La Route 66 è un modo di concepire la vita, un modo semplice, fatto di piccole cose.
      La Route 66 è la cordialità della sua gente, è un tuffo nel passato.“La Route 66 non è solo una strada, è molto di più”.