Route 66 2017 LIVE.———-DAY 4

Pubblicato: maggio 8, 2017 in Route 66

Lebanon – Chandler

 

Km:

La passione è il filo che lega tutti gli innamorati della Route 66.

La passione per una vecchia strada,  per le sue storie e per un periodo che chi non lo ha vissuto ama farselo raccontare da chi c’era.

Quando ci si incontra, tra appassionati,  anche senza conoscersi è come se ci si fosse frequentati per anni.

Ho iniziato la giornata molto presto,  il richiamo della strada e dello splendido Munger Moss Motel di Lebanon era troppo forte per resistere  alla tentazione di fare qualche foto all’alba.

E poi,  dopo le foto, una piacevole chiacchierata con Ramona,  la storica proprietaria del Munger Moss.

Mentre sorseggiavo un caffè ascoltavo i suoi racconti e parlavamo delle persone di cui condividiamo la conoscenza.

Alla fine ci scattiamo una foto insieme e ci salutiamo come fossimo stati vecchi amici.

Le ho anticipato il mio desiderio di tornare il prossimo anno.

Prima tappa della giornata è stata la Gay Parita,  la replica di una gas station degli anni 30 appartenuta al mitico Gary Turner (scomparso nel 2015) ed ora gestita dalla figlia.  Ci ha accolto il genero di Gary ed anche con lui ho passato momenti piacevoli parlando della mother road e di Gary.

E poi via verso il Kansas,  non prima di una breve tappa a Carterville dove c’era un amico di Facebook da incontrare.  Sapendo che avrei percorso la Route 66,  Micky mi ha chiesto di passare da lui per un saluto. Arrivato li cercavo di capire dove fosse quando sento un americanissimo “Franco” risuonare da dentro un ufficio.  È stato un altro bel momento.  Foto insieme e via in direzione ovest.

A Catoosa,  in Oklahoma,  mi fermo come di consueto per rivedere la Blue Whale.

Sapevo che li avrei trovato Linda, una simpatica amica di Facebook che lavora li.  Anche in questo caso è stato un incontro davvero emozionante.

Nel frattempo ricevo un messaggio da un altro amico di Facebook con il quale spero di incontrarmi ad Amarillo.

per concludere la giornata ceniamo al Rock Café di Stroud in Oklahoma,  dove incontriamo il figlio del proprietario del Blue Swallow,  che conoscevo per aver alloggiato 3 volte al suo motel, con il quale scambio 4 chiacchiere e gli do appuntamento fra 3 giorni.

È la magia di questa strada:

persone diverse accomunate da un’unica passione.

Come diceva Sally Carrera in Cars la Route 66 non è solo una strada,  è molto di più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...